La Collina dei Ciliegi ®

Nutrire il pianeta ed energia per la vita: economia e fiscalità

wp_3697299 0 comments
10Giu2015
0

Lo scorso 6 giugno, a EXPO, il nostro Presidente Massimo Gianolli ha preso parte a una interessante tavola rotonda sul tema “Nutrire il pianeta ed energia per la vita: economia e fiscalità“. Un argomento importante che influisce pesantemente sulla nostra attività di ogni giorno.

Condividiamo con piacere un estratto del suo intervento.
Ho un’esperienza aziendale di 25 anni di lavoro. Mi occupo di factoring, brokeraggio assicurativo e più recentemente enogastronomia. Sono un imprenditore serio e volenteroso e ho grande fiducia nel paese. Una grande positività e il più assoluto rispetto le regole. Pago le imposte. Definisco le banche partner finanziari. Mi alzo alle 6.20 e chiudo la giornata lavorativa solo in tarda serata. Sono un fiero ambasciatore del made in Italy e credo nell’aggregazione sopra ogni cosa.

La mia positività, però, non mi impedisce di vedere ciò che non funziona. Faccio un semplice esempio. Nel mio gruppo operano circa 60 persone. Di queste, addirittura 40 sono dedicate alla soluzione dei problemi, in ogni settore. Dall’amministrazione, alla finanza fino al settore fiscale. In pratica ho creato un nucleo che definisco di “teste di cuoio” che si occupano di superare gli ostacoli – contenere i costi – limitare rischi, inefficienze.

Da anni lavoro per far crescere la mia impresa, in particolare all’estero. E anche in questo caso le difficoltà che incontriamo causate da burocrazia, norme locali e fiscalità, sono oggettive.
Sembra incredibile, ma spedire una bottiglia di vino all’estero è un problema, in particolare se ci si rivolge a privati. Sarebbe invece indispensabile trovare accordi con altri paesi per favorire l’esportazione.

Oggi la fiscalità è opprimente per chi la pratica. Non a caso si parla di circa 51 miliardi all’anno di evasione fiscale.
La sensazione, da imprenditore, è che fisco e burocrazia siano più pensati come forma di controllo delle aziende più che di tutela e sostegno. Adempimenti e gabelle che suonano più come forme di vigilanza che di valorizzazione e spinta.
Credo invece che dovremmo concentrare gli sforzi sul fronte opposto. Ossia come rendere neutrale ed equa la fiscalità e come incentivare – riducendola – le imprese a crescere, a esportare e a fare sistema.

In Category : News