La Collina dei Ciliegi ®

La Collina dei Ciliegi… Orgogliosamente presente a EXPO 2015

wp_3697299 0 comments
20Mag2015
0

E’ stato inaugurato ufficialmente il 23 maggio il Padiglione Vino – A Taste of Italy. E La Collina dei Ciliegi, orgogliosamente, era presente. Era presente con i suoi vini, è chiaro, ma anche fisicamente grazie al nostro Presidente Massimo Gianolli e al Vice-Presidente Stefano Falla, che hanno seguito in diretta tutta la cerimonia.

IMG_1034

Da sinistra: Stefano Falla, Tinto e Massimo Gianolli.

«Per noi l’EXPO a Milano è stata fin da subito una grande opportunità – ha dichiarato Massimo Gianolli. Un’opportunità che l’Italia ha saputo cogliere e che, a dispetto di quello che molti hanno sostenuto in questi lunghi mesi di preparazione, non sarà inutile. Camminare per il Decumano e guardare da vicino quello che è stato realizzato è per noi motivo di orgoglio. Padiglioni da tutto il modo. Un meraviglioso incrocio di culture e popoli. Un grande palcoscenico dove siamo onorati di essere presenti. Il Padiglione Vino – A Taste of Italy, poi, è semplicemente magnifico. Una meravigliosa esperienza dei sensi che sono certo aiuterà molti stranieri a conoscere meglio il mondo del vino».
«Non si può valutare un evento del genere solo in termini puramente commerciali – ha aggiunto Stefano Falla. EXPO 2015 non è l’occasione di vendere il vino, ovviamente. Ma è una vetrina straordinaria che permette di far conoscere al mondo intero la qualità e l’unicità dei nostri prodotti. Il vino italiano ha bisogno di stimoli come questo per poter andare nel mondo a conquistare nuovi mercati. Una missione che anche noi compiamo, con orgoglio, ogni giorno».

Le dichiarazioni ufficiali a margine dell’inaugurazione.

«Siamo la patria della biodiversità anche a livello vitivinicolo con quasi 500 varietà di uve registrate e proprio per questo abbiamo voluto un padiglione dedicato al vino italiano in Expo – dichiara il Ministro Maurizio Martina. Questo prodotto rappresenta una metafora perfetta della capacità italiana di reagire alla crisi e di vincere la sfida globale. Se pensiamo al percorso fatto dagli anni ‘80 ad oggi capiamo appieno la potenza dell’esperienza vitivinicola italiana, che oggi vale oltre 14 miliardi di euro con più di 5 miliardi di export. Basta ascoltare le reazioni affascinate dei visitatori che scoprono dentro “Vino – A taste of Italy” storia, tradizione, innovazione di questo mondo attraverso i cinque sensi. C’è in mostra tutta la forza del vino, il legame tra saper fare e bellezza dei paesaggi viticoli, tra innovazione e sguardo al futuro. C’è in mostra l’Italia».
«Il Padiglione “Vino – A Taste of Italy” è un progetto che Vinitaly ha potuto realizzare su commissione del MIPAAF grazie ai suoi cinquant’anni di storia. È il punto di arrivo di decenni di esperienza maturata nel raccontare al mondo l’unicità del nostro comparto, sia a Verona che nei Paesi che costantemente tocchiamo con le nostre attività internazionali. Lo abbiamo però vissuto anche come un punto di partenza perché ci ha permesso in questi ultimi mesi, durante la promozione del padiglione stesso nell’ambito delle tappe di Vinitaly International, di rafforzare il messaggio e l’immagine di un’Italia che funziona e che ha prodotti, conoscenze e competenze esclusive da offrire al mondo. Un messaggio che continueremo a portare in modo incisivo oltre confine durante tutto il periodo dell’Esposizione Universale, a partire dal prossimo giugno a New York e subito dopo a Chicago» afferma Ettore Riello, presidente di Veronafiere.
«Il Padiglione è stato pensato proprio per parlare al pubblico che poco conosce questo meraviglioso mondo, soprattutto straniero, più lontano da noi non solo geograficamente ma anche come approccio e cultura. E se, come più volte abbiamo detto e condiviso, la conoscenza è elemento fondante anche per la crescita corretta e sostenibile del comparto in termini di business, metteremo a frutto nel corso di EXPO2015 anche tutte le importanti attività che abbiamo svolto nel tempo per portare delegazioni di operatori straniere in visita, così che quello stesso messaggio di biodiversità e qualità che portiamo loro costantemente possa passare anche attraverso la più che mai scenografica e incisiva cornice di “Vino – A Taste of Italy”» conclude il direttore generale di Veronafiere, Giovanni Mantovani.

In Category : News